2,080

UNA SCELTA IMPORTANTE

Posted by admin on gen 22, 2010 in SCRITTURE DELL'IO

“Andrea,Pietro,Francy venite:tocca a noi lavare la taverna”
“Basta non ce la faccio più”, dissi alle tre di notte scatenando l’ira di papà perché l’avevo svegliato. Basta devo scegliere!
Mi sdraiai sul pavimento e pensavo:Vico o Sardegna?Dura,durissima scelta!
Andare in un posto nuovo, la Sardegna,o lo splendido paesino di Vico?
A cosa potevo rinunciare?
Rinunciavo a dieci giorni magnifici con i miei amici, rinunciavo ai panini con le salamelle di Zippo (un nostro accompagnatore), rinunciavo al borgo più bello del mondo…La mia scelta era sul punto d’arrivo:destinazione Vico!!
La mattina seguente correndo in cucina dissi a mia mamma: “ho preso…” ma mi fermò “hai scelto Vico o la Sardegna?” lo sentii come un lungo coltello che mi tagliava in due. Riunione,pensai!Presi il bambolotto di mia sorella e lo misi sul letto( d’altronde dovevo parlare con qualcuno), gli dissi le mie opinioni, quello che pensavo e intanto lui chiuse gli occhi.
Scelta saggia quanto dura.
“Mamma vengo con voi in Sardegna!”
Il bello è che non mi sono perso nulla e ho avuto il piacere di vedere un magnifico posto nuovo.

Marco

Tags: , , , , , , ,

 
4,687

IL SENSO DELLA VITA

Posted by admin on gen 22, 2010 in SCRITTURE DELL'IO

Mi è capitato, alcune volte, di riflettere sul senso della mia vita.
Guardando a tutto quello che mi è successo, ho capito che il senso della vita è stare con le persone a cui si vuole bene: famiglia e amici.
Questo pensiero, che sta molto spesso nella mia testa, nasce dal fatto che le relazioni di affetto e di amore sono l’unica cosa che rende felice

Riccardo Scravaglieri 3B

Tags: , , , , , , , ,

 
2,029

ARRIVEDERCI RAGAZZI

Posted by admin on gen 22, 2010 in NARRATIVA E POESIA

“Arrivederci, ragazzi”
Ho riflettuto su questa frase perché chi l’ha pronunciata (ovvero padre Jean, il direttore del collegio) probabilmente non vuole fare capire -anche se inutilmente- che quella sarà l’ultima volta che lui e i collegiali francesi si parleranno e che si guarderanno negli occhi. Quegli occhi lucidi a causa delle lacrime che lentamente percorrono le gote dei ragazzi, a causa dell’addio che sono “costretti” a scambiarsi.
Un addio che si porta via Jean, Negus e Dupré, tre amici la cui unica colpa è quella di essere ebrei.
E padre Jean, un uomo che ha spontaneamente aiutato questi fanciulli continuamente ed ingiustamente perseguitati.

Pensieri di Cristina Sivieri sul romanzo di Louise Malle “Arrivederci ragazzi”

Tags: , , , , ,

 
3,999

ARRIVEDERCI RAGAZZI

Posted by admin on gen 16, 2010 in NARRATIVA E POESIA

Ho riflettuto su questa frase perché chi l’ha pronunciata (ovvero padre Jean, il direttore del collegio) probabilmente non vuole fare capire -anche se inutilmente- che quella sarà l’ultima volta che lui e i collegiali francesi si parleranno e che si guarderanno negli occhi. Quegli occhi lucidi a causa delle lacrime che lentamente percorrono le gote dei ragazzi, a causa dell’addio che sono “costretti” a scambiarsi.
Un addio che si porta via Jean, Negus e Dupré, tre amici la cui unica colpa è quella di essere ebrei.
E padre Jean, un uomo che ha spontaneamente aiutato questi fanciulli continuamente ed ingiustamente perseguitati./h3>

Pensieri di Cristina Sivieri sul romanzo di Louise Malle “Arrivederci ragazzi”

Tags: , , , , ,

Copyright © 2017 www.vida.gov.it All rights reserved. Theme by Laptop Geek.